Home » Arte e Cinema

Arte e Cinema

GIULIANO GRITTINI comics

GIULIANO GRITTINI comics - Gabriella Ruggieri & partners

 

Un caffè con un amico. Una visita alla stamperia d'arte INCISIONE ARTE di Giuliano Grittini. Ho già detto quanto amo le opere di Giuliano Grittini? Si eh? Sono di parte lo so. Dicevo, quattro chiacchiere con un amico e l'occasione per fare delle foto ad alcuni suoi lavori, in questo caso ai personaggi dei fumetti.

Se volete sapere qualcosa in più su Giuliano Grittini, prendetevi qualche minuto per leggere l'intervista, sempre in questa stessa sezione: Arte.

Arricchente e sempre un piacere scambiare 4 chiacchiere con Giuliano perchè ogni volta prendi atto del fatto che è un signore. Come mai? Beh, pensate ad uno che ha trascorso e vissuto una vita intera per l'arte e fatelo incontrare con un'esperta d'arte come me, tanto quanto potrebbe esserlo un carciofo imbalsamato... e tutte le volte non infierisce e con la pazienza di Giobbe spiega cose e concetti come potrebbe farlo ad un bambino di 3 anni, come lo definireste? 

Buona lettura

Gabriella

 

visitate la Gallery 

 

AGATA BOETTI presentazione libro: "IL GIOCO DELL'ARTE, con mio padre, Alighiero"

AGATA BOETTI presentazione libro: "IL GIOCO DELL'ARTE, con mio padre, Alighiero" - Gabriella Ruggieri & partners

 

Un po' di anni anni fa, leggendo qualcosa in merito alla vita di alcuni stilisti e produttori di tessuti, mi colpì una frase che più o meno suonava così "...per l'abbinamento dei colori ha tratto spunto da Alighiero Boetti, da sempre motivo di ispirazione per molti..." pensai: "E chi è? Forse è uno stilista emergente.." 

Inutile dire che andai a controllare e che sto ridendo con le lacrime ancora adesso, consapevole della mia grande e profonda ignoranza.

continua a leggere...

 

visitate la Gallery

Ilian Rachov

Ilian Rachov - Gabriella Ruggieri & partners

 

coming soon

Forrest Rodts

Forrest Rodts - Gabriella Ruggieri & partners
Ho conosciuto il talento di Forrest Rodts casualmente, su Twitter. 
Ho messo like ad un post che conteneva la foto un suo quadro. 
Lì per lì non ho capito che fosse un dipinto, stentavo a crederci, tanto era perfetto. Anzi, se devo essere sincera fino in fondo, propendevo nel credere che fosse una foto. 
Erano raffigurate delle piccole barche di legno ormeggiate, una vicina all'altra, come se stessero riposando, compagne di molte avventure, con delle vele bianche arrotolate, gli scafi che si riflettevano sull’acqua (ndr. nome del dipinto: Opposing Opinions). 
Guardare quel dipinto mi fece pensare che a volte basta una piccola barchetta per assaporare la libertà. 
Sembrava di poter vedere il beccheggio degli scafi accompagnati da un leggero sciabordio, un dolce dondolio, un leggero soffio di vento tiepido, il profumo del sale e quei riflessi di luce tipici del movimento di piccole onde, quando il mare è calmo e... mi diede una sensazione di silenzio e quiete. 
Guardarlo mi parve come una piacevole pausa dalla vita frenetica di ogni giorno. 
Cercai un suo recapito sui Social ed alla fine mi decisi a contattare quello che viene anche definito "il Caravaggio del New England". 
Un po' timorosa... sapete com'è con gli artisti no? Se poi si considera la mia tolleranza vicino allo zero, contro ogni forma di spocchiosità, arroganza e maleducazione, capibili i miei timori...
Ed invece, meraviglia delle meraviglie, mi sono imbattuta in una persona squisita. Una persona che rende alto il significato della parola gentleman! Davvero!
Ho chiesto dei chiarimenti e quando ho avuto la conferma che effettivamente i suoi fossero dei dipinti e non delle fotografie elaborate... basta... è stato un colpo di fulmine!
Sono andata a ricercare tutte le foto dei sui dipinti, uno più bello dell'altro e ne ho fatto un album personale, che via via arricchisco con ogni suo nuovo quadro. Non è semplice descrivere delle sensazioni (in questo caso date da un dipinto), anche perché (come i ricordi) sono personali per ognuno di noi ma, credetemi... vale veramente la pena di soffermarsi su quest'artista. Qui di seguito potete leggere una breve intervista che ci ha gentilmente concesso. 
Gabriella Ruggieri

Leggi l'intervista 

Giuliano Grittini

Giuliano Grittini - Gabriella Ruggieri & partners

GIULIANO GRITTINI - fotografo, stampatore d'arte, artista.

Il mio incontro con Giuliano Grittini é stato casuale e se vogliamo un po' controvoglia. Non sono un'esperta d'arte moderna, non lo sarò mai e diciamolo... appartengo a quella categoria di persone alle quali quando propongono di andare a visitare una mostra, pur mantenendo l'espressione facciale uguale a quella della Sfinge, il primo pensiero é "non c'è la posso fare! Non ho voglia! Che pizza!".. Quindi cerco sempre di documentarmi, un minimo sindacale (sull'artista, sulle sue opere) onde evitare di perder tempo e di arrivare a guardare delle cose che poi mi farebbero pensare "questo se dovessero regalarmelo lo venderei il giorno dopo", oppure "neanche in cantina e con la luce spenta"!
Purtroppo non avevo avuto modo di leggere nulla di significativo e quindi é stato un appuntamento al buio...
La mostra era organizzata da Formitalia Luxury Group SpA nel prestigioso spazio Aston Martin di Milano. Mi sono detta "é un'azienda che conosco benissimo, andiamo a vedere la nuova linea arredamento luxury, rigorosamente 100% Made in Italy, per uno dei marchi più prestigiosi al mondo", Aston Martin per l'appunto.
Ebbene, poste queste premesse, con un approccio non proprio positivo né tantomeno colto, potete credermi se dico che i colpi di fulmine esistono. Com'é che si dice? Folgorata sulla via di Damasco? Ecco! 
Il titolo della mostra era "I Miti", con opere ispirate alle auto della prestigiosa casa automobilistica e ad icone quali Mick Jagger, The Beatles, Marilyn Monroe ed ovviamente una figura storica legata all'Aston Martin: Sean Connery. Mi ricordo, che l'inaugurazione ufficiale sarebbe stata da lì a pochi giorni, quindi non c'era ressa, né calca e il tutto s'incastrava perfettamente con vari impegni dato che cadeva in pieno periodo di Salone del Mobile. Dicevo folgorata? Non saprei se é l'espressione giusta. Sono rimasta parecchio di fronte ad ogni quadro. Come ipnotizzata e assolutamente incurante del tempo e dell'orologio. Mi ricordo che uno con soggetto Mick Jagger l'avevo trovato bellissimo. Non riuscivo a capire come tanti elementi diversi e forse in contrasto tra di loro... messi insieme, dessero quella sensazione di bellezza che ancora oggi ricordo come se stesse accadendo in questo preciso istante. L'argento, l'oro, un antico spartito musicale, pennellate di rosso acceso, i versi di una poesia, la stampa di una foto di Jagger, tutti insieme a creare un qualcosa di magico. 
É trascorso del tempo da quell'incontro al buio con le opere di Grittini, nel frattempo ho avuto modo di conoscerlo personalmente, di apprezzarlo anche come persona, vedere altre mostre, visitare la sua famosa stamperia d'arte (www.incisionearte.it) e di scambiarci quattro chiacchiere. Qui di seguito riporto l'intervista con lui, che vuole essere una mini biografia, non una dissertazione filosofica artistica, ma il racconto del suo percorso di vita e forse... qualcuno che nel cassetto ha il sogno di diventare fotografo, stampatore d'arte o artista, leggendola potrà trarne ispirazione ed aprire quel cassetto per far diventare il sogno una realtà. Chissà. Ecco cosa è venuto fuori dal mio incontro con Marina Cerati (moglie) Lora Grittini (figlia) e ovviamente Giuliano Grittini. Buona lettura.